header cover

Fra le Eolie e Capo Milazzo

Italia:

Isole Eolie

Durata:

5 giorni - 4 notti

Numero max passeggeri:

4 persone

Disponibile:

-

Imbarco da:

Milazzo, ME, Italia

Cosa é incluso

Condizioni di cancellazione

avatar image

Organizzata da:

Antonino D.

Membro dal 2017 -

Privato

inglese

italiano

avatar placeholder
avatar placeholder
avatar placeholder

4 viaggiatori hanno prenotato questa esperienza

Questa esperienza, in breve

Milazzo e le Isole Eolie.

La vacanza ha inizio nella splendida penisola di Milazzo, dove nel Marina di Santa Maria Maggiore, sul Lungomare Garibaldi, si trova ormeggiata la nostra imbarcazione.

La penisola di Milazzo, una lingua di terra tra cale d’acqua cristallina e panorami mozzafiato, è meta turistica ambita dagli amanti del mare e del buon cibo. Il promontorio di Capo Milazzo, compreso fra il Golfo di Patti ed il Golfo di Milazzo, racchiude peculiarità naturalistiche uniche e preziose. Colori e profumi che animano un tratto di costa frastagliata, uno specchio di mare verde smeraldo e secche piene di fauna e flora marina. Un’esplosione di natura che si colloca tra i vulcani Etna e Stromboli. Nasce in questi luoghi l’Area Marina Protetta di Capo Milazzo, senza dubbio un vero e proprio paradiso naturale che si caratterizza dalla  presenza di Gorgonie Bianche e Gialle, praterie di Posidonia Oceanica e Corallo Nero.

Ma Milazzo è anche divertimento, con la sua movida che circonda il centro città grazie ai tanti localini per aperitivi a ritmo di buona musica ed alle trattorie di pesce del tranquillo e caratteristico borgo antico, situato ai piedi del Castello Aragonese.

La vacanza prosegue salpando verso l’incantevole arcipelago delle Isole Eolie.

La fondamentale importanza in ambito geologico e naturalistico è il motivo per cui l’Unesco, nel 2000, ha inserito le Isole Eolie nella “World Heritage List”. Da 200 anni, infatti, le sette sorelle dell’arcipelago (Lipari, Panarea, Vulcano, Stromboli, Salina, Alicudi, Filicudi) rappresentano uno straordinario campo di ricerca per geologi provenienti da tutto il mondo. Senza dimenticare che la cenere, la lava e tutto il materiale eruttato nel corso dei millenni ha contribuito in maniera determinante alla preservazione di moltissimi reperti di età antica, trasformando le Eolie in un grande parco-archeologico all’aperto.

Come nelle migliori famiglie, anche le sette isole sorelle che compongono l'arcipelago delle Eolie hanno caratteri, attitudini e ambizioni diverse. Le accomuna però un mare che brilla, l'origine vulcanica, l'entroterra aspro e profumato di macchia mediterranea. Tra borghi di pescatori e spiagge di ciottoli, l'itinerario che porta da Lipari a Vulcano con un passaggio obbligato a Salina, Filicudi, Panarea fino a Stromboli è a base di angoli pittoreschi in cui tuffarsi ma anche di cultura, archeologia, buon cibo e panorami con tramonti che lasciano senza fiato.

Programma della crociera.

4 settembre:

Imbarco previsto dalle ore 17,00 presso il Marina di Santa Maria Maggiore, sistemazione della cambusa, sistemazione nelle cabine, briefing ed aperitivo di benvenuto a bordo. Con la prima notte nel Marina, sarà possibile fare visita alla città di Milazzo per una piacevole passeggiata fra le vie del Borgo Antico e del Castello, da dove si può ammirare un incantevole tramonto sulle Eolie.

5 settembre:

La partenza alla volta dell’Isola di Vulcano è prevista alle prime ore del mattino, dal momento che ci aspetterà una bella veleggiata verso quella che sarà la prima tappa ed il primo bagno Eoliano della vacanza: Grotta del Cavallo e Piscine di Venere. Nel pomeriggio la nostra veleggiata proseguirà verso l’Isola di Salina, dove ancoreremo per la notte nella rada di Santa Marina Salina. Raggiunta la predetta destinazione sceglieremo come proseguire la serata, cenando in barca in assoluto relax oppure andando in una delle tipiche trattorie di pesce in stile Eoliano per un primo assaggio dei buonissimi Calamaretti alla Malvasia.

6 settembre:

Ci porteremo nella Baia di Pollara, sul versante Ovest dell’isola di Salina. La frazione di Pollara sorge sui resti di un antico cratere vulcanico parzialmente sprofondato. A testimonianza della sua esistenza il faraglione che di fronte si erge dal mare, “il guardiano” che protegge questa frazione. La sua spiaggia è una delle più famose dell’arcipelago delle Eolie: una stretta lingua di sabbia incastonata da una parete rocciosa a strapiombo, una delle più belle insenature delle Eolie! Guardando verso il mare, all’estremità destra, troviamo le vecchie costruzioni plasmate dall’uomo nella roccia: antichi ripari per le imbarcazioni dei pescatori. Oltre che per le sue bellezze naturalistiche e paesaggistiche, Pollara è una delle località più famose dell’Eolie  per il film “il Postino”. Qui infatti sono state girate buona parte delle riprese del capolavoro di Massimo Troisi, un patrimonio del cinema italiano e mondiale che si guadagnò cinque candidature agli Oscar nel 1996, vincendo una statuetta per la miglior colonna sonora. In questo luogo dalle incantevoli bellezze naturali e dal mare cristallino, ci tufferemo per un bellissimo bagno ed un po’ di snorkeling lungo la costa. Qui a Pollara, programmandolo con un po’ di anticipo, vi sarebbe la possibilità di seguire un percorso enogastronomico insieme ad una guida specializzata del luogo, la quale, oltre a raccontarvi alcuni aneddoti del posto, vi accompagnerà in un’Azienda Agricola, raggiungibile a piedi attraverso una scalinata, famosa per la coltivazione e la produzione del cappero e del pomodoro secco.

Nel pomeriggio veleggeremo alla volta dell’Isola di Panarea, dove ancoreremo per passare la notte nella caletta dei Zimmari. Saremo ancorati vicino a Cala Junco, suggestiva insenatura caratterizzata da acqua azzurra e verde, scogli di basalto e pareti di roccia lavica che la racchiudono, dove si trova il villaggio preistorico di Panarea, portato alla luce nel 1948. L’insediamento preistorico risale all’età del bronzo (14° secolo a.C.) ed era costituito da 23 capanne, delle quali sono rimaste le mura delle fondamenta (a forma ovale), danneggiate col tempo dall’erosione della salsedine. Dagli scavi sono stati rinvenuti anche cocci di vasi e strumenti vari, ricostruiti ed esposti oggi nel museo di Lipari; la ceramica di cui erano composti gli antichi oggetti è una chiara testimonianza dell’influenza minoica e del collegamento tra le isole Eolie e gli altri paesi del Mediterraneo. Il villaggio preistorico di Cala Junco è raggiungibile partendo da Cala degli Zimmari e proseguendo lungo un sentiero con gradini che porta al promontorio di Capo Milazzese. Partendo da Cala degli Zimmari è possibile raggiungere, dopo una passeggiata di circa 20 minuti sotto le stelle oppure con l’ausilio dei caratteristici taxi quadriciclo elettrici, il cuore della movida notturna di San Pietro, il salotto glamour dell’arcipelago delle Eolie, che con i suoi aperitivi sul mare, i suoi locali lussuosi e le sue discoteche saprà intrattenervi fino all’alba!

7 settembre:

Siamo a Panarea, il red carpet dell’arcipelago delle Eolie! Con i suoi 3,5 Kmq di bellezza naturale e culturale, Panarea è entrata di diritto tra le mete più ambite del turismo mondiale. Ci porteremo fra lo scoglio del Bottaro e Lisca Bianca per l’ennesimo bagno in uno dei luoghi più affascinanti delle Eolie, dove sarà possibile fare dello snorkeling attorno agli scogli ed ammirare il fantastico fondale di Panarea con le sue emissioni solfuree.

Nel pomeriggio inizieremo la nostra veleggiata con rotta sull’Isola di Stromboli. Lo Stromboli, uno dei pochi vulcani sulla terra in attività quasi continua, costituisce la più settentrionale delle sette Isole Eolie. Il suo edificio si alza più di 920 metri sopra il livello del mare, ma la sua base si trova a una profondità di circa 2000 metri. I crateri attivi sono luogo di un'attività persistente, in corso da diversi secoli, che normalmente consiste in piccole esplosioni ben separate tra loro, con lanci di frammenti di lava incandescente e variabili quantità di cenere fino a qualche decina o centinaio di metri sopra le bocche. Le esplosioni al solito durano qualche secondo o decina di secondi, e sono ben separate tra loro, con intervalli che possono variare fra un minuto e diverse ore. Tale attività viene chiamata "stromboliana". Durante i periodi di attività più accentuata, alcune bocche producono un'attività di lancio di brandelli lavici quasi continua ("spattering"), che raramente possono portare alla formazione di piccole colate di lava intracrateriche, come alla fine di agosto 2009 e il 7 gennaio 2010. Il principale borgo abitato è quello di San Vincenzo (detto comunemente e semplicemente Stromboli) con le spiagge di Scari, Piscità e Ficogrande. A sud-ovest dell’isola, raggiungibile solo via mare, sorge il minuscolo borgo di Ginostra, entrato nel Guinness dei primati come il porto più piccolo del Mondo e che, abbastanza recentemente, é stato dotato di un molo per l’attracco delle navi. Abitata d’inverno da appena 15 persone presenta l’ulteriore caratteristica di avere come unico mezzo di trasporto terrestre il mulo, in siciliano “u sceccu“. Un’isola selvaggia, primordiale, l’isola dove l’essenziale è visibile agli occhi e nulla di superfluo la invade, l’isola che ha coronato un film ed un amore che prima fu difficile o quasi impossibile e che, poi, divenne un capolavoro, un frammento memorabile del neorealismo: è il 1948, l’anno di Rossellini e di Ingrid Bergman, l’anno di “Stromboli Terra di Dio”, gli anni delle donne isolane vestite ancora di nero, i tempi delle case senza servizi e degli spostamenti sugli asini. Arrivati a destinazione ci avvicineremo per una visita allo Strombolicchio, un isolotto vulcanico disabitato e alto 50 metri! Grande appena 300 mq, è una riserva naturale, la vegetazione, nonostante sporadica è di notevole interesse, pensate che qui è presente la granata rupicola, un fiore in via di estinzione. Non potrete non notare il bellissimo faro, alimentato esclusivamente ad energia solare e gestito dalla marina militare! In serata faremo visita al paese di Stromboli. Per raggiungerlo ci sono le sue viuzze, tutte in salita, che partono dalla spiaggia e arrivano al cuore del paese, nella piazza di San Vincenzo, centro della vita sociale e culturale dell'isola. A fare da contorno nella nostra passeggiata tanto fermento culturale e tanta arte: la libreria, il centro culturale e vari negozi di ammirabile artigianato. Al tramonto tutti in barca per portarci sul versante Ovest dell’Isola, da dove potremo ammirare l’attività esplosiva del vulcano che continua ininterrotta da circa 1200 anni. Decideremo al momento, anche in funzione delle condizioni meteo marine, se passare la notte in rada a Stromboli oppure a Panarea.

8 settembre:

Ed eccoci a Lipari, l'isola più grande e popolosa dell'arcipelago delle Eolie, la più sviluppata dal punto di vista turistico pur mantenendo un’atmosfera molto tranquilla. Montuosa e con coste frastagliate lungo cui si susseguono spiagge uniche, ampie baie e profonde grotte, Lipari va scoperta in barca! Il paese si trova ai piedi della Rocca del Castello, un’acropoli greca. Il centro è disseminato di negozi, ristorantini e bar mentre nell’antico Palazzo dei Vescovi, adiacente alla Cattedrale di San Bartolomeo, è ospitato l’importante Museo Archeologico Eoliano che offre uno sguardo dei 5 mila anni in cui l’arcipelago è stato abitato. Faremo un primo bagno alla Spiaggia Bianca, o spiaggia della Papesca, è la più famosa dell’isola: situata appena oltre il borgo di Canneto, la spiaggia deve il suo nome alla spettacolare distesa di polvere di pomice che compone il suo suggestivo arenile.  Nel pomeriggio ci sposteremo sul versante meridionale dell’Isola per raggiungere la Spiaggia di Praia di Vinci. Scenografica ed affascinante, accessibile solo in barca, l’incontaminata spiaggia di sabbia e grossi ciottoli, lunga e stretta, si trova all’estremità di fronte all’isola di Vulcano. Dalla spiaggia si può ammirare un panorama stupendo dominato dai faraglioni di Pietra Lunga e Pietra Menalda. Le acque che bagnano la spiaggia di Praia di Vinci, chiusa da un’imponente promontorio roccioso, sono particolarmente cristalline e adatte allo snorkeling. Ci attenderà in questo magnifico posto un bellissimo ed affascinante tramonto con in primo piano i faraglioni. Ormeggeremo in uno dei marina presenti sul lungomare, a pochi minuti a piedi dal centro di Lipari. Percorrendo la Via Garibaldi, dove sono presenti numerosi locali e negozi di souvenir, raggiungeremo Marina Corta, sicuramente uno dei punti più suggestivi del borgo di Lipari con la sua splendida piazza sul mare ed i tanti ristoranti dove poter mangiare.

9 settembre:

E’ arrivato il momento di salpare verso l’Isola di Filicudi. Insieme ad Alicudi, fa parte dell’arco occidentale dell’arcipelago e geologicamente è la più antica delle 7 isole. Ripida e scoscesa, l’isola non è altro che il cono emerso di un vulcano ormai spento ricoperto da ginestre, felci, erica e fichi d’india. Le coste sono di una bellezza fuori dal comune e sono intarsiate da profonde grotte, impreziosite da magnifici faraglioni e caratterizzate da costoni a strapiombo sul mare. La Canna è lo scoglio più famoso dell’isola, mentre la grotta più amata è quella del Bue Marino. Le spiagge di Filicudi, tutte di origine vulcanica, sono principalmente composte da ciottoli scuri di grandi dimensioni, fatta eccezione per la spiaggia di Pecorini che presenta alcuni tratti di sabbia. Raggiunta l’isola ci porteremo vicino allo scoglio denominato “La Canna”, qui ci attenderanno tanto relax ed un mare cristallino per l’ennesimo e suggestivo bagno della vacanza. Ormeggeremo al gavitello di fronte il paesino di Pecorini a Mare, un piccolo e caratteristico borghetto di pescatori dell’isola, con i suoi street food di pesce e prodotti tipici e localini sul mare.

10 settembre:

Ci aspetterà una bella veleggiata, di avvicinamento al porto di partenza, fino all’Isola di Vulcano. Nella costa meridionale raggiungeremo la spiaggia del Gelso, un piccolo angolo tropicale in un’isola vulcanica, un vero e proprio sogno ad occhi aperti. Caratterizzata da una bellissima spiaggia nera di sabbia mista a ghiaia, presenta un mare azzurro e limpido, quasi trasparente. Dopo un bagno ed un po’ di relax, proseguiremo verso Capo Milazzo per un ultimo tuffo della vacanza nel blu della Baia di Sant’Antonio, zona in cui sorge l’Area Marina Protetta di Capo Milazzo, luogo ideale per una bellissima nuotata e per ammirare le grandi praterie di Posidonia. Rientro nel marina di Santa Maria Maggiore.

11 settembre:

Sbarco entro le ore 09.00.

Nessuna partenza disponibile

Il nostro itinerario

Il nostro viaggio inizia qui:

Milazzo, ME, Italia.

Check-in: 09:00

Il nostro viaggio finisce qui:

Milazzo, ME, Italia.

Check-out: 18:00

Le recensioni sull'organizzatore

avatar image

Organizzata da:

Antonino D.

Membro dal 2017 -

Privato

inglese

italiano

5.0/5

di

7

recensioni

Organizzatore

avatar image

Mare, vela e relax nello splendido arcipelago delle Isole Eolie

26/09/2023

Alessandro T.

Splendida vacanza grazie alla competenza e simpatia di Antonino che da perfetto conoscitore delle Eolie ci ha fatto visitare i luoghi migliori. E' stato sempre disponibile a proporre alternative di itinerario ed anche a modifiche (anche grazie all'ottimo meteo!). Super consigliato! Ciao Antonino da tutti noi!
avatar image

Mare, vela e relax nello splendido arcipelago delle Isole Eolie

10/09/2023

Sylvia B.

-

Francia

Very nice experience with Antonino. He's very professional and concerned with our needs. Despite the bad weather for a few days, we were still able to cover almost all the places to visit and had a unique and interesting vacation.
avatar image

Mare, vela e relax nello splendido arcipelago delle Isole Eolie

31/08/2023

Silvia G.

Ancora grazie Antonino per la meravigliosa esperienza!! Siamo rimasti incantati dalla magia delle isole Eolie, dai colori delle sue acque e anche dalla bontà della sua cucina (viva Alfredo;))! Uno skipper molto esperto, prudente, gentile, molto paziente che ci ha coccolati tutta la settimana! La barca è stata perfetta per noi sei e con tutte le comodità necessarie. Tutti noi siamo già pronti a ripartire per un'altra avventura!! Grazie! Silvia and the crew
avatar placeholder

Fra le Eolie e Capo Milazzo

14/09/2022

Ludovico S.

Ho fatto molte vacanze in barca a vela, ed Antonino è uno dei più bravi e simpatici skipper che ho incontrato. Mette passione, professionalità, si diverte e fa divertire. È stata una bella vacanza, grazie Antonio da tutto il gruppo ????

Parlano di noi

Corriere della seraVanity FairIl sole 24 oreForbes

Pagamenti sicuri

MastercardVisaAmerican ExpressApple pay

© 2023 Sailsquare Srl - Società Benefit • All rights reserved - P.IVA IT07860990964